Cominciamo con la CUCINA GALIZIANA:

La cucina galiziana si e’ fatta conoscere nel mondo grazie al suo popolo migrante, quando nel secolo scorso i transatlantici carichi di manovalanza solcavano gli oceani per raggiungere le Americhe in cerca di fortuna, per aprire bodegas che esportavano empanadas (fagottini ripieni), zuppe galiziane, stufati di carne cocidos (bollito) e l‘immancabile polpo nel Nuevo Mundo.

La ricetta che vi propongo è il NASELLO IN CASSERUOLA:

Ingredienti

800 gr di nasello, 1 pomodoro tagliato a spicchi, 1 kg di patate, 4 spicchi d’aglio, 1 cipolla, 1 cucchiaio di paprika dolce, 1 dl di olio, ½ dl di aceto, sale

Preparazione

Tagliate il pesce a tranci regolari e spolverizzateli con il sale. Tagliate le patate a pezzi e fatele lessare in poca acqua. Quando saranno cotte unite il pesce. Quando anche il pesce sarà cotto scolatelo.
Nel frattempo fate friggere nell’olio l’aglio sbucciato, la cipolla tagliata ad anelli e il pomodoro. Aggiungete la paprika, versate l’aceto e parte dell’acqua di cottura del pesce con le patate.
Cuocete a fuoco dolce per 8-10 minuti. Deve risultare una salsa molto liquida. Ottimo sarebbe poter cucinare il pesce in acqua di mare.

Il libro da abbinare

Vi consiglio Le ricette di Pepe Carvalho (Las recetas de Carvalho), un libro di Manuel Vàzquez Montalbàn pubblicato in Spagna nel 1988 e tradotto in italiano da Hado Lyria, Feltrinelli nel 1994.

Lo scrittore catalano Manuel Vàzquez Montalbàn, gourmet come il personaggio letterario da lui creato e, si ricordi, già autore nel 1981 di un altro libro di ricette che ha riscosso ampio consenso di pubblico – Ricette immorali -,dopo aver scritto ben quattrordici volumi tra romanzi e raccolte di racconti aventi per protagonista l’investigatore Galiziano Pepe Carvalho, pubblica questo volume assai curioso nel quale sono raccolte le ricette di 120 piatti citati nei quattordici volumi precedenti della serie di Pepe Carvalho.

Per ogni piatto oltre agli ingredienti e alle modalità di preparazione il volume riporta il passo del romanzo o del racconto in cui il piatto è citato.

Ed ora Amici: tocca a voi cimentarvi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.