Il 28 novembre 2021 inizia la X edizione del Catania Film Festival, evento che dal 2011 porta nel capoluogo etneo registi, attori e produzioni cinematografiche da tutto il mondo.

Fino al 4 dicembre, anche IterCulture vi accompagnerà in questo viaggio tra opere indipendenti del panorama europeo e importanti produzioni cinematografiche contemporanee, anche con l’intento di valorizzare significativi luoghi della città di Catania, dal Castello Ursino al suggestivo Monastero dei Benedettini, passando per la Biblioteca Vincenzo Bellini, l’Accademia di Belle Arti, il quartiere di San Berillo e il Palazzo de Gaetani, sede dell’associazione Trame di Quartiere.

Un’occasione per scoprire storie, volti, culture e nuove prospettive, ma anche per riassaporare e promuovere ambientazioni e colori mediterranei tramite le sezioni Corti Siciliani e Catania Mediterranea che, con il focus di quest’anno sulla Palestina, vuole ridare centralità a luoghi e situazioni relegati a “periferia del mondo”. Grazie all’aiuto di studenti e ospiti d’eccezione, la settimana del festival sarà anche ricca di eventi, masterclass e workshop, per contribuire a far risplendere ancora di più la città di Catania.

Il festival è prodotto e organizzato da Alfiere Productions e dall’associazione Catania Film Festival, in collaborazione con il Comune di Catania e l’Università degli Studi di Catania, e con la partecipazione di numerosi partner nazionali che hanno deciso di sposare il progetto. 

IterCulture, in qualità di partner, si occuperà di alcuni aspetti legati all’organizzazione e comunicazione dell’evento e della gestione dei tirocinanti universitari e delle attività rivolte alle scuole secondarie.

Abbiamo deciso di entrare a far parte della famiglia del Catania Film Festival anche per poter dare il nostro contributo alla valorizzazione e promozione del territorio, perseguendo la missione di fare rete e rafforzare il senso di partecipazione della comunità, al fine di connettere diverse realtà, diverse generazioni, centro e “periferia”.

Dal momento che consideriamo importante e essenziale l’aspetto formativo – personale e professionale – che eventi del genere possono dare alle nuove generazioni, abbiamo concentrato i nostri sforzi per promuovere la partecipazione dei giovani alle attività del festival, attraverso la collaborazione con le scuole, anche tramite la convenzione per i PCTO, e l’attivazione di tirocini universitari curriculari con diversi atenei italiani. 

Inoltre, abbiamo chiesto agli studenti di redigere testi che raccontino il festival e il territorio attraverso il festival; così, nel corso delle prossime settimane verranno pubblicati articoli sulle attività e recensioni sui film, per conoscere il punto di vista delle nuove generazioni e il loro rapporto con il cinema e con il territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.